Posts Taggati ‘responsabilità’

Sei un anziano capace?

Esistono anziani capaci e anziani incapaci. Tu cosa sei?

Un buon anziano sa dove vuole arrivare ed è in grado di guidare i fratelli verso gli stessi obiettivi spirituali esposti chiaramente nella Bibbia. Egli è autentico, umile, collaborativo, disponibile e creativo. Si pone e pone domande, perché lui vuole imparare. E’ vero che certi doni naturali possono arricchire le qualità spirituali, ma i requisiti scritturali sono alla portata di molti, perché si è anziani spirituali veri solo se si soddisfano le virtù spirituali e si confida nello spirito di Dio per riuscirci. Le congregazioni sono guidate da Gesù, ma per poter esercitare sulla terra la sua autorità si serve di uomini fidati. Le persone sentono la necessità che qualcuno li guidi e li faccia sentire al sicuro. E’ questa la loro visione del mondo.

Leggi Tutto Nessun Commento

VIGILATE SU TUTTO IL GREGGE

Il pastore che trascura se stesso non è idoneo a curare il gregge, perché non è di utilità a nessuno.

 E’ volontà di Dio che ogni congregazione abbia i suoi pastori per faticare, per sovrintendere e per ammonire (1 Tes 5:12). Quando un fratello viene nominato anziano è implicito che il gregge non debba essere più grande delle proprie capacità di sorvegliante. Geova non mette sulle spalle di un pastore impegni e responsabilità che non riesce a soddisfare. Il numero di coloro che vegliano deve essere proporzionato al numero di pecore dell’intera congregazione. Molti problemi sorgono a causa di un numero insufficiente di pastori. Non è una novità che molti nominati non riescono a stare dietro ai bisogni della congregazione. Ci chiediamo anche come può un singolo sorvegliante badare a un’intera circoscrizione formata da decine di corpi di anziani e qualche migliaio di proclamatori e “positivamente conoscere l’aspetto del tuo gregge”? (Prov. 27:23) Ci vogliono anni e non una settimana “mordi e fuggi” per conoscere l’aspetto di ogni singolo fratello di ogni congregazione assegnata.

Leggi Tutto 1 Commento

Quando non si ha il coraggio di dire le cose come stanno

Nasce la bugia e si consuma l’inganno

 In una circostanza l’apostolo Paolo ebbe il coraggio di riprendere “faccia a faccia” Pietro (Gal 2:11-14). Non si mostrò reticente né incerto, tantomeno lasciò ad altri la responsabilità di farlo. Pietro non considerò il gesto di Paolo un affronto e si lasciò rimproverare perché riconobbe il suo errore senza nessuna giustificazione. Non tutti i cristiani reagiscono in questo modo, sia nell’essere rimproverati che nel rimproverare. In genere, quando siamo travolti nelle nostre convinzioni, individuiamo come responsabili altri o diamo la colpa a fattori esterni. Alcuni avendo perso la fiducia nei fratelli diventano intransigenti. Altri invece di fonte alle mancanze altrui diventano fin troppo indulgenti. Molti problemi tra fratelli sorgono perché alcuni che ne hanno la responsabilità si tirano indietro o tergiversano quando c’è da consigliare o ammonire un fratello che sta sbagliando. Molte di queste cose succedono durante le visite pastorali, nelle adunanze con il corpo degli anziani o durante la visita del sorvegliante.

Leggi Tutto Nessun Commento

“Obbligati a cercare”

il_figlio_prodigo1

Se vogliamo aiutare l’inattivo dobbiamo essere (come persona) qualcosa di diverso dal solito rapporto formale: “Io sono l’anziano e tu l’inattivo”. Conosciamo la Bibbia, ma non l’inattivo.

La congregazione non rimane semplicemente seduta in attesa di dare loro il benvenuto, se e quando decideranno di ‘tornare a casa’. Nell’illustrazione di Gesù, il padre corse incontro al figlio “mentre era lontano”. In modo simile, i testimoni di Geova si considerano personalmente obbligati a cercare quelli che un tempo erano associati con loro, per aiutarli a tornare nell’organizzazione di Geova. (La Torre di Guardia 15/1/1988 p.23)

“Si considerano personalmente obbligati a cercare”, affermazione impegnativa questa. Tale obbligo è un vincolo morale imposto dall’Organizzazione a ogni membro della comunità. Non ci sono scappatoie: chi non cerca gli inattivi viene meno ai suoi obblighi cristiani. Inutile ciurlare nel manico. Non ci sono giustificazioni. Che cosa pensa al riguardo, la sede nazionale dei testimoni di Geova comunemente chiamata Betel?

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA