Posts Taggati ‘ubbidienza’

Una bevanda che non disseta

La rassegnazione può essere vissuta più per impotenza che per scelta

‘Ubbidiamo a Dio anziché agli uomini’. –  (Atti 5:29)

Rassegniamoci a ubbidire agli uomini anziché a Dio. E’ quello che succede in alcune congregazioni, dove la scrittura di Atti è interpretata all’incontrario. Il termine rassegnazione è ambiguo perché ha in sé sfumature positive e negative. Un po’ come l’ubbidienza: si ubbidisce perché obbligati o per scelta volontaria, così c’è chi si rassegna per accettazione e chi lo fa per un senso di impotenza.

Leggi Tutto 1 Commento

I doveri cristiani ci scoraggiano da considerarli un giogo pesante?

Il cuore umano brama la libertà e l’indipendenza e si sottomette al giogo del dovere con grande riluttanza.

Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete su di voi il mio giogo… Poiché il mio giogo è piacevole e il mio carico è leggero”. – (Matteo 11:28-30)

Sembra strano, ma Dio trae vantaggio dalla riluttanza che nutriamo verso i doveri, compiacendosi di usarla per manifestare la sua opera e per glorificarsi. Quando il dovere diventa tutt’altro che un piacere e nonostante le difficoltà lo portiamo a termine, anche in modo imperfetto, Geova lo accetta volentieri perché è il frutto dell’ubbidienza. In questi casi, se lo Spirito lo decide, può soffiare in noi quando vuole (Gv 3:8). A proposito della “pausa” riportata nella W/1/2018: si spende del tempo per pulire o riparare un attrezzo perché funzioni meglio, non per rovinarlo. Allo stesso modo può essere necessaria un’interruzione nell’adempimento dei nostri doveri, affinché riacquistiamo le forze.

Leggi Tutto Nessun Commento

Volontà o intelligenza? Sottomissione o adesione?

schopenhauer

Una riflessione sul concetto di ubbidienza e sottomissione tra i tdG.

Tutti, tranne Geova, sono sottoposti ad autorità. (1 Cor 11:3) Un campo in cui i tdG manifestano sottomissione è in seno alla congregazione cristiana. «La santa sottomissione nella congregazione ci spingerà a ubbidire alla Parola di Dio in ogni aspetto dell’adorazione. Questo include il ministero, la frequenza e la partecipazione alle adunanze, i rapporti con gli anziani e la cooperazione con le disposizioni organizzative». (od p. 161) Secondo quanto scritto nel libro Organizzati per compiere la volontà di Geova, testo che tratta informazioni generali sui proclamatori, i nominati e i vari aspetti organizzativi, chi non frequenta le adunanze e non vi partecipa non mostra santa sottomissione. Tantomeno chi non predica, chi non collabora con gli anziani e non coopera con le disposizioni. «Siate ubbidienti e sottomessi a quelli che prendono la direttiva», comanda la Bibbia in Ebrei 13:7. L’ubbidienza e la sottomissione hanno quindi relazione con i sorveglianti delle congregazioni.  

Leggi Tutto 1 Commento

Quell’obbligo che affonda la religione.

costa-concordia

L’obbligo di imporre ai fedeli di essere sempre positivi e di eseguire gli ordini senza criticare.

E’ preoccupante l’ottusità che spinge quei fedeli che sono dotati di un’ottima intelligenza a pensieri e comportamenti dannosi. Grazie agli alti livelli di istruzione scolastica e a una tecnologia d’avanguardia, le menti umane moderne dovrebbero essere le più intelligenti e le più brillanti di sempre. Nonostante ciò non mancano le menti insensate. C’è comunque da sottolineare che chi manca di buon senso non necessariamente è un idiota. Il vero guaio è l’impostazione o il modello di comportamento che i vertici religiosi inculcano ai loro membri affinché ogni “cosa sia fatta con ordine”, senza intoppi e in maniera funzionale (1 Corinti 14:40). Che di per sé non è sbagliato. E’ invece il voler, a tutti i costi, far entrare profondamente nella mente e nell’animo dei fedeli tali direttive in modo da creare una certa efficienza e una maggiore sicurezza che le decisioni prese dall’alto siano eseguite senza ostacoli. A lungo andare, però,

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA