Togliete la sede di Warwick, disfatevi delle Filiali, delle Sale Assemblee e quelle del Regno

Che notte stanotte. Devo aver mangiato pesante a cena. Non so se ho avuto un incubo o un’allucinazione. Ho visto molti tdG andare di matto e molti altri che esultavano dalla gioia come se fossero a un concerto di Orietta Berti. Che visione avrò mai avuto da scombussolarmi le viscere e sentirmi come uno che ha fumato il narghilè? Se avete un minuto, anche meno, vi racconto l’allucinazione.

Lo Spirito Santo ha deciso in maniera irrevocabile e senza ripensamenti. Da oggi in poi niente sale, stamperie, alloggi, betel, uffici, parcheggi, reparti, niente stadi e palazzetti in affitto, niente grandi e piccole assemblee, solo missionari con la Bibbia in mano a parlare nei mercati, nelle piazze e per le strade, qualche sorvegliante che sappia veramente sorvegliare, pochi maestri e tanti pastori, niente più palchi, fiori, e bollette da pagare, e niente resoconti e richieste di danaro.

Soprattutto nessun progetto immobiliare e di costruzione, nessun comitato, niente volontari edili e carpentieri, nessun conto in banca. Tutti in predicazione. Solo Broadcasting e direttive lette esclusivamente dalla Bibbia. Con poca tecnologia e tanti risparmi. E buonanotte agli arrivisti, agli oratori con la pistola fumante, ai ruffiani, ai gelosi, agli invidiosi, alle perdite di tempo per formare i reparti, fare le adunanze preassemblea, preparare le parti, le interviste e le dimostrazioni. Tempo risparmiato da dedicare alla famiglia e alla predicazione. E risparmi economici non indifferenti.

Si lo so, l’insalata l’ho comprato da quell’incosciente del mio fruttivendolo, che ogni tanto si fa le canne, ed è forse lui ad aver mischiato le verdure con la canapa. Devo smetterla di fare il vegano e di farmi allucinare dalla lattuga e dalla rucola. La prossima volta bollirò le verdure col limone e l’aceto balsamico. Non va bene mangiarle crude. Eppure mi sembrava così tutto reale: fratelli e sorelle in festa, niente orari strani per le adunanze, uno scantinato pulito e decoroso, poche persone, una ventina di sedie, nessun podio, nessun microfono, solo un tavolo Ikea dove l’anziano parlava usando solo la Bibbia per incoraggiare i presenti. Attaccato alla parete un monitor dove venivano proiettati video registrati di alcune considerazioni sulla Bibbia del corpo direttivo. Ogni cosa si basava sulla Parola di Dio. Niente tablet e mostri tecnologici. Solo Scritture da leggere e da spiegare. Solo la Bibbia in mano, qualche canto di lode a Geova con il vecchio registratore a tutto volume. Basta. Nient’altro.

Che visione fratelli! Eravamo inebriati dal cristianesimo originale. Mi sembrava di trovarmi presso la casa di Prisca e di Aquila o in quella di Ninfa (Romani 16:3, 5; Colossesi 4:15). Luoghi dignitosi e senza fronzoli. La Parola di Dio libera da aspetti negativi, dalle incombenze, dalla paranoia di alcuni. Stavo con fratelli permeati di Spirito Santo, che avevano a che fare solo con quanto lo Spirto chiedeva loro. Non dovevano occuparsi di pulizie della Sala, di collette, di deumidificatori, di pale, di manutenzione, di aste, di tabelle, di infiltrazioni, di condomini esasperati e di vicini in preda al panico per le occupazioni di marciapiedi, di posteggi e di viavai affollati e rumorosi. Niente conti in banca, né ansia di cercare un parcheggio come se si cercasse l’oro nel vecchio West. Tutto era semplice, tutto era facile.

Non c’erano visi trafelati e facce tristi. Sorrisi in abbondanza, abbracci calorosi, esperienze toccanti, un volersi così bene in maniera affettuosa che non ricordo più dai tempi in cui mia madre mi coccolava in braccio. Si faceva fatica persino a cominciare l’adunanza talmente era la gioia in quello scantinato dove l’aria che si respirava era di fede e di speranza. E una volta seduti, tutti ad aprire la Bibbia e non pensare ad altro che a Geova.

Lo racconterò ai miei amici di inattivo.info, tanto era bello e luminoso quel garage con le mura dipinte di bianco. Lo consiglierò a tutti quei fratelli dove arde ancora nel loro cuore la speranza di tornare alle origini del vero cristianesimo. Tornate negli scantinati! Quelli veri, dove il cuore batteva forte e la semplicità dell’amore era inebriante. Dove l’ospitalità non era un optional. Che bei posti quelli di una volta! Non grandi luoghi dove il cristianesimo è piccolo, ma luoghi piccoli dove il cristianesimo è grande.

(da un nostro articolista)

Tags: , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (1)

  • Anonimo

    |

    Me lo sogno anche io, non ce la faccio più di tanta fretta. Mi sento soffocare e inadeguata. Non riesco a ingranare in questo spettacolo dove si deve recitare una parte come in un teatro, mentre dentro senti che non è come prima, semplice, vero. Ora si va così di fretta che faccio fatica a stare dietro a tutto questo affano. Dove si finirà con tutto questo corri corri. Io sono nata nella verità, ma ultimamente mi sembra di essermi svegliata e non riconoscere più dove sono. Sarò io sbagliata, ma sento un gran senso di disagio e di inadeguatezza.

    Reply

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA