TUTTI possono collaborare

Druck

“Se un cristiano non mostra amore che cristiano è?”

Viviamo in tempi difficoltosi e siamo tutti molto impegnati, per cui rischiamo di non accorgerci che un fratello ha bisogno del nostro aiuto. Ogni pecora è preziosa agli occhi di Geova proprio come lo è ogni parte del corpo. Perciò TUTTI noi dobbiamo avere a cuore i nostri fratelli e interessarci di loro “affinché nel corpo non vi sia divisione, ma le sue membra abbiano la stessa cura le une per le altre” – 1 Corinti 12:25.

Non date retta a chi vi esenta da questa responsabilità dicendo che la cura degli inattivi spetta solo agli anziani, gli unici a dover prendere la direttiva in merito. Secondo il parere di un sorvegliante di circoscrizione, ogni qualvolta incontriamo o visitiamo un inattivo, dobbiamo indirizzarlo agli anziani. L’esperienza ci insegna che spesso sono proprio gli anziani a non interessarsi degli inattivi.

Benché gli anziani abbiano la responsabilità di cercare e aiutare le pecore smarrite, essi non sono i soli a preoccuparsi dei fratelli che si sono allontanati. Anche altri possono collaborare con questi pastori. TUTTI noi possiamo e DOBBIAMO incoraggiare e sostenere i fratelli e le sorelle che hanno bisogno d’aiuto per tornare nel gregge. Come possiamo farlo?    (W15/11/2008 p.10)

Paolo non vedeva l’ora di avere uno scambio d’incoraggiamento. Riflettete sull’eccellente esempio dell’apostolo (Romani 1:11,12). La prima cosa da fare è provare il forte desiderio di incoraggiare l’inattivo. Dopo pregate Geova di guidare e benedire i vostri sforzi per incoraggiare e rafforzare spiritualmente questi compagni di fede.

Si possono considerare con loro alcune informazioni che li riguardano e che hanno perso nel periodo in cui sono stati assenti. Chiedete agli anziani una lista di fratelli non più attivi presenti nel vostro territorio con l’obiettivo di invitarli al discorso sugli inattivi in programma alla nuova assemblea di circoscrizione 2014-15.  “Manda il tuo pane sulla superficie delle acque, poiché nel corso di molti giorni lo ritroverai”. (Ecclesiaste 11:1)

Non perdete la speranza. Quando conversiamo con loro, sforziamoci di usare la Bibbia correttamente. E’ la Parola di Dio che opera nel cuore del fratello, non le nostre considerazioni personali. Inoltre, potreste chiedergli come ha conosciuto i testimoni di Geova.

Ricordategli i momenti felici che provava servendo Geova. Incoraggiatelo a raccontarvi le belle esperienze avute in predicazione e alle assemblee. Trasmettete con sincerità di cuore la vostra gioia. L’entusiasmo è contagioso. Raccontate come voi siete stati confortati da Geova nei momenti difficili. “Dio ci conforta nelle nostre tribolazioni, affinché possiamo confortare quelli che sono in qualunque sorta di tribolazione per mezzo del conforto con cui noi stessi siamo stati confortati da Dio” – 2 Corinti 1:4

MOSTRIAMO LORO AMORE

E’ l’amore, non il dovere che spinge i cristiani a prestare assistenza. Gesù disse ai suoi discepoli: “Vi do un nuovo comandamento, che vi amiate gli uni gli altri; come vi ho amato io, che anche voi vi amiate gli uni gli altri. Da questo tutti conosceranno che siete miei discepoli, se avrete amore fra voi”. (Giovanni 13:34,35)

Se l’amore è la qualità che distingue i veri cristiani, non dovrebbe essere manifestata nei confronti di cristiani battezzati, che sono diventati inattivi? L’amore è eterno quanto lo è Dio. C’è sempre tempo per mostrare amore.

Fanno pena le parole che ogni tanto l’abatino di turno esprime con ostentata solennità: “Un testimone che non testimonia che testimone è?”. Si potrebbe dire la stessa cosa di un cristiano che predica, ma non ha amore: “Se un cristiano non mostra amore che cristiano è?”. Ciò che ha valore nella vita è l’amore, tutto il resto è “pezzo di rame risonante o un rimbombante cembalo”.

cembalo-antico-filippo-bonanni-1723cembalo-antico-filippo-bonanni-1723-copy

Particolare del cembalo antico

  cembalo-di-bronzo-500-a-c-museo-archeologico-atene

Cembalo di bronzo, Museo Archeologico, Atene    

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (1)

  • Michea

    |

    Non dice Geova di amare il nostro prossimo come noi stessi? facciamo tanti sforzi per redimere qualcuno nel mondo,e poi ci dimentichiamo dei nostri fratelli lontano non vi sembra un’incidenza? A me si!

    Reply

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA