«Hai vinto tu, papà». «Ora sì che sei mio figlio!»

di Vazir Asanov

 E’ la storia di un giovane curdo che diventò tdG, umiliato, picchiato violentemente, ripudiato e minacciato di morte dal padre se non avesse smesso di frequentare la nuova religione. Alla fine vinse il padre. Dotato di talento nello sport e a scuola, i familiari cercarono di convincerlo di darsi alla politica. Vazir si era indebolito spiritualmente e aveva smesso di leggere la Bibbia e frequentare le adunanze dei testimoni di Geova. “Mi consolavo al pensiero che più avanti avrei di nuovo servito Geova. Non frequentai le adunanze per due anni, anche se certe volte avrei voluto andarci. Ma la vergogna mi tratteneva. Pensavo che i fratelli della congregazione non mi avrebbero capito. Dopo tutto, io amo Geova”.

Poco dopo aver iniziato gli studi universitari, incontra due Testimoni mentre predicavano per strada con i quali ebbe una edificante conversazione. Qualche tempo dopo si riaccese in lui il desiderio di servire Geova e iniziò così a partecipare a tutte le attività spirituali. Diventò anche pioniere. Un giorno suo padre venne a trovarlo e sorprendentemente gli chiese di perdonarlo per la violenza con la quale lo aveva trattato in passato. Aveva capito male la nuova fede del figlio. “Papà”, gli dissi, “ti voglio tanto bene”. (Sintesi tratta da g 9/08 pp. 12-15)

PROBLEMA: I pregiudizi nei confronti della nuova fede possono in certi casi scaturire anche forte violenza da parte dei propri familiari. Dovuta più a fraintendimenti che a cattiveria. La vergogna di essere rimasti per troppo tempo inattivi o l’imbarazzo di quello che gli altri tdG possono pensare di noi potrebbe frenarci nel riprendere le attività.

DECISIONE: Aspettare che le circostanze diventino favorevoli. In un modo o nell’altro le cose cambieranno. Mantenere forte il desiderio di servire Geova.

INSEGNAMENTO: Anche se le circostanze sfavorevoli possono indebolire spiritualmente non si deve mai smettere di avere fede in Geova, anche quando a fare pressioni sono i genitori o parenti benintenzionati. Prima o poi il vento contrario cambia a favore. Il problema è che non sappiamo quando. E questo potrebbe stancarci. “Anche se dovesse attardare, attendila”.

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA