Vite in chiaroscuro

Nell’arte il chiaroscuro serve a dare forza e rilievo al dipinto. Nella vita la modestia rende il cristiano consapevole delle sue luci e ombre.

Il modesto è così modesto che non sa di esserlo e per questo non lo dice. Il superbo, che è l’opposto del modesto, non solo sa di essere superbo, ma fa di tutto per dirlo e per far vedere la sua ostentata superiorità. La modestia è una qualità morale, opposta alla vanità e alla presunzione e consiste nel non vantarsi dei propri meriti. Il contrario della modestia è superbia, alterigia, boria, presunzione, vanagloria. Il modesto riconosce i suoi limiti.

Il superbo ha un amore smisurato di se stesso, un eccesso che lo convince di non avere limiti al suo essere. Inoltre, il modesto ha rispetto per i sentimenti e l’opinione degli altri. Il modesto sa fare una giusta valutazione di sé, rispetta la sua coscienza, mostrando timore, vergogna, sobrietà e un senso di onore.

La Bibbia valorizza la lode di un estraneo piuttosto che l’autocelebrazione dei propri meriti. “Ti lodi un estraneo, e non la tua propria bocca; faccia ciò lo straniero, e non le tue proprie labbra”. (Pr 27:2) Dio è con i modesti. La congregazione di Corinto è un esempio di modestia: non molti saggi, potenti, nobili di nascita, ma cose disprezzate, stolte, deboli e ignobili del mondo affinché nessuno si vanti dinanzi a Dio. (1 Cor 1:26-31)

Nell’arte l’ombreggiatura è fondamentale per far risaltare la luce. Il contrasto tra luce e ombra viene utilizzato per modellare le forme, per esaltarne la plasticità e per definirne lo spazio. La luce evidenzia i riflessi e quando è radente accarezza le superfici rendendole mobili. I forti contrasti tra chiaro e scuro creano un effetto dirompente, facendo risaltare gli squarci di luce.

Caravaggio, Vocazione di San Matteo, Roma, San Luigi dei Francesi.

La luce costituisce l’elemento di raccordo tra le azioni di Gesù che indica Matteo e quello dei personaggi riuniti intorno al tavolo. La mano di Cristo, colpita dal fascio di luce che proviene dall’alto, da un punto esterno al dipinto, diventa il fulcro del dipinto. La luce esterna colpisce anche la testa di Gesù contribuendo a caratterizzare le figure. In particolare fa emergere la contrapposizione tra l’abbigliamento scarno del Messia e di Pietro, scalzi e avvolti dal mantello e le vesti moderne di Matteo e dei suoi compagni.

La luce dirige tutta la scena: va da destra a sinistra e torna indietro quando incontra l’espressione meravigliata e il gesto di Matteo che punta il dito contro se stesso, come per ricevere una conferma da Gesù se si trattasse di lui. La mano di Gesù rievoca la Creazione di Adamo nel momento in cui la mano di Dio trasmette la vita al primo uomo (Michelangelo, Cappella Sistina). Il Caravaggio, sembra trasmetterci l’idea che a volte l’incontro con il Divino può avvenire nei luoghi più strani e nei momenti più impensabili.

La vita è fatta di impasti di luce e penombra. Come il chiaroscuro è uno straordinario strumento di profondità pittorica e di emozioni interiori, così è la vita del cristiano modesto, che non sta troppo sotto la luce dei riflettori e quando è il momento esce di scena. La luce risalta perché esiste l’ombra, allo stesso modo, una persona modesta è ammirevole, non perché perfetta, ma perché presenta una linea d’ombra, un limite che conosce e che sa di appartenergli.

L’anziano modesto non si esalta nel suo incarico, non fa affidamento su se stesso quando tratta con gli inattivi, non si giuggiola quando riceve lodi e non reagisce male quando viene criticato. Anche l’inattivo modesto riconosce i suoi limiti e ricerca la guida di Geova per prendere decisioni sagge su cosa fare della sua vita. Chi è lontano da Geova non è orgoglioso di tale lontananza. La modestia può far ritornare a Geova in modi impensabili.

________

Sulla presunzione:

 Pensieri rigidi

Alcuni pensano di interpretare le prove dei tdG meglio di Geova. Non vedono i lati buoni e fanno  conclusioni sbagliate.

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA