Scappati di casa

Scappato di casa indica chi si dà alla fuga per paura, per evitare un pericolo, una punizione, oppure chi fugge dal luogo in cui ci vive, sottraendosi ai propri doveri civili, morali e sociali. La Bibbia parla di uno scappato di casa.

Un tempo inutile, ora è diventato utile. Per pagarsi il viaggio di 1.400 chilometri, ruba i soldi al suo padrone. Da schiavo letterale diventa uno schiavo spirituale. Scappato dalla casa d’origine si trova in una casa prigione, dove conosce un prigioniero speciale che gli garantisce una libertà eterna. Cambia condotta e diventa libero in senso spirituale, ma non in senso carnale. Ci sono delle leggi in materia di schiavitù molto severe che vanno rispettate. Chi scappava di casa veniva marchiato a fuoco sulla fronte con la F di fugitivus. Per questo motivo, chi lo ama come un figlio lo rimanda al suo legittimo proprietario. Lo scappato si convince e ritorna a casa.

Leggi Tutto Nessun Commento

Anche se inattiva continuo a fare il bene al prossimo

Il volontario è colui che aiuta gli altri in modo disinteressato, spontaneo e gratuito a beneficio di singoli o della collettività. Le attività di volontariato sono svolte per libera scelta, con mezzi di cui si dispone, a favore di categorie di persone che hanno gravi necessità e bisogno urgente di aiuto e di assistenza. Spesso il lavoro dei volontari non viene riconosciuto né gratificato.

Volontari, quanto è importante il loro contributo? si chiedeva Svegliatevi! nella copertina del 22/7/2001, in occasione della proclamazione del 2001 Anno Internazionale dei Volontari, da parte dell’ONU. L’articolo metteva in risalto la forma di volontariato che dà risultati duraturi, cioè l’istruzione biblica e la sua diffusione attraverso la predicazione del Regno.

Leggi Tutto 2 Commenti

Dio fa dimorare chi è solo nella sua casa

Sei solo perché lontano da Geova?

“A quelli che sono soli Dio dà una casa in cui abitare” (Salmo 68:6).

La copertina della Torre di Guardia n. 1 del 2018 è una foto scattata probabilmente in una stazione ferroviaria, dove si vedono in primo piano un viaggiatore che guarda l’orologio, un signore che sta parlando al telefono, una ragazza che forse sta ascoltando la musica, altri due che camminano lungo la corsia del binario e un viaggiatore che sta salendo sul treno. La foto rappresenta il via vai tipico di un’affollata stazione ferroviaria. Si tratta dunque di una inquadratura “dinamica”, di persone indaffarate e in movimento, ognuna che va per conto suo. L’unico fermo immagine che si contraddistingue da tutte le altre persone è quello di una donna seduta, immersa nella lettura della Bibbia.

Leggi Tutto Nessun Commento

Fratelli non previsti alla mia porta di casa

“Benedizione agli amici che alla mia porta, senza essere chiamati, senza essere sperati, sono però venuti”.  (JOHN HENRY NEWMAN)

J.H. Newman, famoso cardinale inglese, fece scrivere a fianco della porta di casa sua le parole sopra riportate. Voleva evidenziare l’affetto di quegli amici che si fanno vedere senza essere attesi o reclamati. Un’esperienza del genere è descritta nella Bibbia, dove si narra che Abraamo, fu visitato da tre ospiti inattesi e che in seguito si rivelarono essere tre angeli. Quell’incontro inatteso si rivelò anche una straordinaria benedizione per l’accoglienza mostrata da Abraamo e Sara: la nascita di un figlio.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA