Gli anziani e la sindrome delle patelle

Le patelle vivono attaccate agli scogli, gli anziani agli incarichi

Patelle non padelle. Le patelle sono dei molluschi mentre le padelle sono delle pentole. Le patelle hanno il loro habitat sugli scogli, le padelle in cucina. La patella, da non confondere con l’osso del ginocchio, chiamato anch’esso così, è il nome di vari molluschi che vivono lungo le coste di quasi tutti i mari, attaccati agli scogli: hanno conchiglia conica, appiattita e ovale. Gli “anziani” a beneficio di chi ci legge e non conosce la terminologia dei testimoni di Geova, sono i responsabili delle congregazioni e molti di loro sono appiccicati agli incarichi (mansioni) e ai privilegi che non li stacchi da essi nemmeno con una sega multifunzione della Black&Decker.

Sono così concentrati sul loro potere da fa venir meno la cosa più importante: l’attenzione ai proclamatori. Hanno il deretano attaccato così saldamente alla cadrega (sedia/poltrona) da somigliare a certi politici di vecchia data. Potrebbero essere degli ottimi testimonial delle poltrone Sofà. Se stai vicino a certi corpi di anziani ti senti mancare l’aria, talmente è viziata. Loro non la sentono, sono rannicchiati, mezzi assonnati, dentro il guscio solido della loro nomina teocratica come lo sono le patelle nel loro guscio ovale. Se gli dai una parte all’assemblea corrono come affetti dalla sindrome di Gerusalemme. Se gli dici di andare a trovare un inattivo, per scuoterli dal sonno devi leggergli per tre ore di fila la rivista Svegliatevi!

A questa sindrome, Giovanni Verga, dà una connotazione positiva e la chiama nobilmente l’ideale dell’Ostrica. Si basa sulla convinzione che per evitare di essere vittime dell’andazzo di questo mondo, l’unica difesa possibile di chi appartiene alla fascia debole è quella di rimanere legato ai valori della famiglia, al lavoro, alle tradizioni, come l’ostrica rimane attaccata saldamente allo scoglio. Se questo articolo fosse stato scritto dai redattori della Torre di Guardia, con ogni probabilità avremmo letto: “Il solido guscio serve a proteggere l’ostrica, ma per sopravvivere deve stare attaccata allo scoglio. Come l’ostrica (o la patella) ogni cristiano fedele deve avere una solida fede per proteggersi dagli attacchi di Satana e dei suoi agenti esterni e per sopravvivere deve rimanere attaccato alla sua Organizzazione visibile…ecc. ecc.” E per proteggersi dagli anziani con la sindrome delle cozze, patelle, ostriche e vongole? Una spaghettata…?

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA