GUARDARE LONTANO VEDERE VICINO

Cercate di vedere gli altri come li vede Geova?

“Non come vede l’uomo vede Dio”. — 1 SAM 16:7.

Dal suo nido posto in alto sulla rupe, l’aquila “guarda lontano” (Giobbe 39:27-29). Può avvistare un coniglio a un chilometro di distanza. Come l’aquila, Geova può “guardare lontano” nel futuro. Molti sbagli umani sono la conseguenza di una “vista difettosa”. Possiamo essere ingannati da persone che sembrano buone ma in realtà sono senza scrupoli.

Possiamo esprimere giudizi negativi e categorici sul conto di persone sincere la cui personalità ci irrita. Ci soffermiamo troppo sulle apparenze. Dovremmo abituarci a valutare in maniera positiva i nostri fratelli se vogliamo migliorare i nostri rapporti con loro.

All’inizio vedevamo i nostri fratelli in un modo, forse oggi li vediamo in un altro modo, attraverso la lente distorta dell’imperfezione. Una vista che può portarci a esagerare i difetti e a dimenticare come li vede Dio. Se questo è il nostro problema, è il caso di esaminarci per vedere come noi ci vediamo.

Dio non mette a fuoco l’obiettivo solo su una piccola parte di noi, ci guarda attraverso un obiettivo grandangolare, in grado cioè di inquadrare il soggetto e ciò che lo circonda. Noi tendiamo a “zoomare” su un particolare che non ci piace, mentre Geova vede l’intera persona, comprese le sue buone qualità. Non potendo leggere il cuore dei nostri fratelli non possiamo giudicare i loro motivi. Non tutti riescono a vederci bene da lontano, ma possono ugualmente mettere a fuoco ciò che vedono accostandosi vicino all’obiettivo, cioè ai fratelli.

Nell’articolo Le bende di Lazzaro, abbiamo scritto dei fratelli che si offrono per aiutare il “Lazzaro” di turno (fratello lontano che ritorna) a liberarsi delle bende simboliche che gli impedivano di muoversi dovutamente nella congregazione. Oggi vi parliamo di fratelli (sic) che non solo non muovono un dito per aiutare l’inattivo a rientrare e a muoversi bene una volta che è dentro, ma per giunta, lo criticano pure. Lo vedono ancora con la lente dell’ipocrisia, come i farisei vedevano il cieco guarito da Gesù, che invece di essere contenti della guarigione lo hanno addirittura espulso dalla sinagoga.

L’acqua si apprezza meglio nel deserto. Così, la luce, quando veniamo da un buio profondo. E per chi è nato cieco è sempre notte. Giovanni racconta che quando il cieco comincia a vedere, cominciano anche i suoi guai. “Perché ti ha guarito proprio di sabato?” gli chiedono i farisei. Secondo loro la Legge comandava il riposo e la guarigione era considerata un lavoro proibito. In sostanza, non è Gesù a stabilire come e quando fare una cosa come la guarigione, ma è la legge, le disposizioni, le regole.

Dopo averlo messo diverse volte sotto pressione, il cieco non può negare l’evidenza di vedere, né che qualcuno lo abbia guarito. “Sei un ignorante” gli rispondono i farisei, “non conosci la Legge e Mosè. Sei un peccatore e vuoi insegnare a noi?” E lo cacciano fuori dalla comunità, dal giudaismo. A questo punto interviene Gesù che si fa riconoscere per quello che è. La disgrazia peggiore non è il buio degli occhi, ma quello della mente e del cuore.

Alcuni, in congregazione, si illudono di vedere, ma si comportano da ciechi. Non vedono di buon occhio la guarigione di un inattivo e non sopportano che altri fratelli amorevoli lo aiutino a riprendersi la sua nuova vita. Vorrebbero vederlo ancora fuori, nel buio di questo mondo. Non dovremmo meravigliarci che alcuni (anche tra i pastori) abbiano questo atteggiamento.

Gesù disse che questi avevano scavalcato il recinto per entrare nell’ovile. Li paragonò a ladri e rapinatori. (Giovanni 10:1-15) Succede anche questo, purtroppo. Come gli scribi e i farisei si sono seduti sul seggio di Mosè, dicono ma non fanno. Legano gravi carichi e li mettono sulle spalle degli uomini, ma essi stessi non li vogliono muovere neppure col dito. (Matteo 23:1-36).

_____

Vedi anche:

Dialogo nel buio

Una fede “cieca” e una che “vede”. In che senso?

 

 

 

Nulla è come appare

L’inattivo è visto dalla congregazione come una cornice senza quadro. Lui si vede come un quadro senza cornice.

Tags: , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA