Il libro dei RIMPIANTI

Il rimpianto è il rammarico di cose fatte, che col senno di poi avresti fatto diversamente.

Pensare di aver sprecato, anche in questo anno che volge al termine, tempo ed energie per raggiungere obiettivi sbagliati, è inutile. Invece di rimuginare, preoccupati di cosa puoi fare adesso nel nuovo anno.

La Biblioteca di Mezzanotte è il titolo dell’ultimo romanzo di Matt Haig, scrittore e giornalista inglese, con una depressione che lo perseguita da anni e che lo ha portato anche a tentare il suicidio.

Il racconto è imperniato su una donna di nome Nora, che per una serie di eventi negativi, non vuole più vivere e tenta il suicidio ingoiando una dose eccessiva di anti-depressivi.

Invece di morire, si ritrova in un mondo di mezzo, tra la vita e la morte, esattamente in una grande biblioteca, dove un grande orologio segna la mezzanotte e file di scaffali piene di libri si diramano ovunque.

Qui, i libri sono portali che aprono tutte le vite che Nora avrebbe potuto vivere. Ognuna di queste vite contiene milioni di decisioni e quando una prevale su un’altra, il risultato cambia. Nora scopre il libro che svela sia la fonte dei suoi problemi sia la risposta a essi. Si intitola: Il libro dei rimpianti.

Si convince che la vita sarebbe degna di essere vissuta, se solo fosse in grado di scegliere quella giusta. Prova così a vivere tutte le vite che ha rimpianto e che non ha vissuto. Alla fine si rende conto che non esiste un modo di vivere che renda immuni dalla tristezza.

Ogni storia che Nora rivive finisce in modo tragico. Peggio di come immaginava. Non valeva la pena avere tanti rimpianti. Non sempre la vita può essere capita guardando indietro. Non servono tante spiegazioni a ciò che è stato fatto o non fatto in passato. La vita deve essere semplicemente vissuta guardando avanti.

Diventando tante Nora non era nessuna di loro e il luogo dove stava nella realtà non era la prigione da cui cercava di fuggire. Nora era prigioniera del suo punto di vista. Quando ripensò alla sua vita passata, capì che la cosa che l’aveva resa vulnerabile era la mancanza d’amore. Comprese che la vita offre sempre una nuova prospettiva, se si ha la pazienza di aspettare abbastanza per vederla.

Finalmente, Il libro dei rimpianti era stato ridotto in cenere. Lei, nella vita reale viene salvata dal tentato suicidio e il racconto si conclude con il paradosso del vulcano. I vulcani non sono solo simboli di distruzione, ma anche di vita. Dopo che la lava rallenta e si raffredda, si solidifica e col passare del tempo si sbriciola e diviene una terra ricca e fertile. Nora era decisa a essere un vulcano e prendersi cura di quella terra desolata, la sua esistenza, dove avrebbe piantato una foresta.

Questo romanzo prende per mano le persone depresse o che portano sulle spalle il fardello dei rimpianti, di quel “poteva essere, ma non è“. La Biblioteca di Mezzanotte diventa non solo un rifugio per le anime smarrite, ma permette di riflettere su temi che molto spesso si danno per scontati, non da ultimo, l’importanza di avere qualcuno da amare.

Provi rimpianti per cose fatte con tanti sacrifici e mai apprezzate? Servivi Geova perché lo amavi e al momento non trovi nessuno da amare? Geova non ha dimenticato il tuo amore per lui. Non c’è bisogno che tu viva altre vite o ne interpreti altre per essere felice. Se scegli la “vera vita” avvenire, Geova ti ricompenserà con benedizioni molto più grandi di quanto tu possa immaginare!

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA