IL RATTOPPO

A una domanda dei farisei sulla pratica mosaica del digiuno Gesù rispose che nessuno rattoppa un mantello vecchio con della stoffa non contratta, perché la forza di quest’ultima peggiorerebbe lo strappo. (Matteo 9:14-17)

Con questo esempio, Gesù intendeva ribadire che la verità da lui insegnata era troppo potente per il vecchio e rigido giudaismo. Inoltre, non aveva nessuna intenzione di rattoppare o perpetuare alcun sistema religioso logoro, con i suoi digiuni rituali e le sue altre usanze.

Che dire però a livello individuale, quando c’è la necessità di fare un rattoppo a un fratello che è diventato logoro e che ha bisogno di una “pezza” per rimanere dentro la congregazione? In senso letterale, è ragionevole impedire a un piccolo strappo di allargarsi e rovinare un tessuto costoso.

Con gli arnesi giusti, la stoffa adeguata e una buona conoscenza si può rimediare a uno strappo. Si dice che gli abiti “parlano” di noi ancor prima di aprire bocca. Un abito adeguato suscita rispetto e considerazione, e questa è una valida ragione per aver cura del proprio vestito.

Allo stesso modo vogliamo che anche i nostri fratelli siano curati o “rammendati” con stoffe di qualità e con gli arnesi spirituali adatti al rattoppo. Nel suo paragone, Gesù disse anche: “Nessuno taglia un pezzo di stoffa da un vestito nuovo e lo cuce su uno vecchio; altrimenti la stoffa nuova strapperebbe il vestito vecchio, e la toppa presa dal vestito nuovo non si adatterebbe al vecchio”. (Luca 5:36)

Queste ulteriori parole rivelano la conoscenza di Gesù anche nell’arte del rattoppo. Un vestito vecchio con una toppa nuova mette in tensione la struttura logora del tessuto e causa uno squarcio più grande di quello che si pensava di riparare.

A parte il campo della moda e qualche nonna avanti negli anni, l’arte del rattoppo è ormai un’esperienza lontana che la metafora di Gesù potrebbe non essere chiara ed eloquente. A quel tempo, la verità di Gesù è stata dirompente con ciò che è bloccato nel passato e che impedisce di progredire.

Non ci si può irrigidire in posizioni che oggi non sono pratiche. La pandemia da Covid lo dimostra. Né si può pensare di riformare una vita o una religione semplicemente cambiando qualche cosa, chiudendo i buchi con un rattoppo o darsi di tanto in tanto una nuova facciata con una vernice scadente.

Questo vale sia per la vita di ciascun cristiano sia per la vita della congregazione mondiale, sempre chiamata a confrontarsi con la Bibbia per dare risposte efficaci alle nuove sfide di questo vecchio mondo. E tu, caro fratello lontano? Ti lasci rattoppare la tua spiritualità dai cucitori incapaci di questo mondo e da attrezzi più logori della stoffa che cercano di metterti addosso?

Tags: , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA