OSSESSIONATI

Alcuni vivono con un chiodo fisso in testa: i Testimoni di Geova

Li chiamano ossessionati perché hanno un pensiero fisso in testa che non riescono a togliersi. Si tormentano l’anima, la coscienza e la volontà fino a farsi male da soli. Con un martello, in senso metaforico, si infilano con violenza un chiodo in testa. Valli a capire, se mai c’è qualcosa da capire.

L’ossessionato dice: “Senza i testimoni di Geova non posso vivere”. Questo pensiero fisso divora le sue giornate e concentra tutte le energie in un’unica direzione. Conosce ogni sito ostile ai testimoni di Geova e la mattina il suo primo pensiero è quello di visitarli per trovare le ultime news su di loro, e se non le trova mica spegne il pc o il telefonino, continua a girare come un vagabondo finché non trova la notizia che cerca.

Tale dipendenza degrada proporzionalmente la sua esistenza. È infelice anche se il suo smile è a 360° con denti stretti e bianchi. Un tratto della personalità ossessiva è l’illusione di poter smettere quando vuole. Facciamo un esperimento: se stai leggendo questo articolo è perché sei curioso o perché sei in qualche modo ossessionato. Se lo sei, prova per qualche giorno a non pensare ai testimoni di Geova e se ci riesci faccelo sapere.

Pensare di smettere come e quando si vuole è un’illusione perché manca la consapevolezza di essere ossessionati. Chi è ossessionato non vi dirà mai che è dipendente dai Testimoni di Geova. Lui è più testimone di Geova di un vero testimone di Geova, ma al contrario.

La dipendenza lo controlla come la droga controlla il drogato. Vi sembrerà strano, ma costui ritiene che la dipendenza dai testimoni di Geova sia la soluzione, ovvero un tentativo messo in atto con la convinzione che screditarli possa risolvere il suo problema. In realtà più che risolvere il problema lo aggrava sempre di più, fino a toccare il fondo.

L’ossessione, secondo alcuni di loro, ha bisogno di essere alleviata come chi fuma una sigaretta per rilassarsi. Dopo la loro palettata di fango, si sentono riappacificati momentaneamente con il loro animo. Provano una perversa sensazione di gratificazione che allevia provvisoriamente il loro disagio.

Vivono costantemente nell’ossessione di soddisfare la dipendenza da TdG. Sono assorbiti giorno dopo giorno di quel forte “desiderio” da placare. Chi vuole “disintossicarsi” da questa dipendenza cosa deve fare?

Il primo passo è quello di rendersi conto di avere costruito mentalmente un atteggiamento dannoso che gli ha creato notevoli disagi interiori. Deve capire che alla base dei suoi problemi c’è questa ossessione e che nel tempo lo ha danneggiato e che per liberarsene questa è l’unica ragione per farlo.

Il secondo passo è comprendere che l’ossessione è legata anche all’ambiente che frequenta. Più stai con gli ossessionati e più ti ammali. Più siti web ostili frequenti è più dura sarà uscirne. Devi cambiare l’ambiente e le persone che frequenti. Devi evitare tutti coloro che affogano le loro frustrazioni con commenti condizionanti e ingannevoli. Non sono persone da imitare.

Devi comprendere che più grave è l’ossessione più il problema si è protratto nel tempo e maggiori saranno le difficoltà a uscirne. Ci saranno cadute e ricadute, momenti di sconforto e di agitazione. È importante rimanere lucidi spostando l’attenzione su pensieri spirituali o visitando siti equilibrati e obiettivi. Non esiste una soluzione univoca, ognuno deve scegliere quello che meglio è utile alle sue esigenze.

Una volta guariti non commettete l’errore di ritornare in quegli ambienti che hanno condizionato negativamente la vostra vita. Non perché ci siete riusciti una volta ci riusciate una seconda. Lo spirito di Dio è un potente alleato che può sostenervi sempre, in qualsiasi situazione di tentazione vi troviate. Ricercatelo. Dio è amore e l’amore non è mai una dipendenza e non reclama niente in cambio.

Tags: , , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA