Posts Taggati ‘proverbi 13:20’

Pandemia e menti che sanno resistere

Le personalità forti si sono rafforzate e le personalità deboli si sono indebolite. Le notizie che leggiamo sul Covid 19 sembrano confermare questa sensazione.

Le misure di contenimento della pandemia adottate dalle autorità confliggono con il bisogno umano di socializzare e per noi testimoni di Geova, di fraternizzare nel senso fisico del termine.

Leggi Tutto Nessun Commento

Come comportarsi con gli stupidi?

Se lo chiede, nell’articolo «Si può essere stupidi basta ammetterlo», Umberto Folena, editorialista di Avvenire e consulente di informazione religiosa, cultura e costume della CEI.

Chi è intelligente riconosce che di tanto in tanto capita a tutti di comportarsi da stupidi. Il problema, secondo Folena, è che “il vero stupido non ammetterà mai di essersi comportato da stupido, neanche se messo di fronte all’evidenza”.

Leggi Tutto 1 Commento

Chi sa dubitare delle sue opinioni si rende una persona migliore

I testimoni di Geova non sono immuni dalle difficoltà. Alcuni problemi irrisolti possono minare la propria fede e suscitare dubbi in ciò in cui si crede. È normale, oltre che ragionevole, mettere di tanto in tanto in discussione le proprie opinioni personali. 

Una certa ignoranza – nel senso di «sapere di non sapere» –  può rivelarsi utile per accrescere la propria conoscenza. L’ignoranza come forma di saggezza? Nel mondo del web è evidente al navigatore accorto la presunzione di sapere di molti che scrivono e commentano sui valori come la verità, la Bibbia, Dio, il giusto, le virtù, l’etica.

Leggi Tutto Nessun Commento

Quando il Diavolo usa la tastiera

Cristiani sotto “l’effetto dei social”

Siamo avvertiti! Alcuni che un tempo praticavano la vera adorazione si sarebbero allontanati prestando attenzione a ingannevoli espressioni e a insegnamenti di demoni (1 Timoteo 4:1). I social network sono diventati uno dei luoghi preferiti per spacciare menzogne per verità. Nonostante l’avvertimento della Parola di Dio, di non seguire “false storie”, alcuni si lasciano ingannare troppo facilmente (1 Timoteo 1:3, 4).

La parola greca usata da Paolo per “false storie” può avere il significato di fiaba, mito o fandonia. In questo caso viene indicata “una storia” religiosa che non ha alcun legame con la realtà. Tali storie non fanno altro che suscitare domande frivole che generano ricerche inutili. Il Diavolo si è sempre servito di menzogne religiose e miti per sviare gli ignari.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA