UNA TRAGEDIA SENZA FRENI

E tutti capirono dove va un sistema senza freni

«Ci voleva, ahinoi, una tragedia immane come quella di Stresa perché i giornali si accorgessero che molto non funziona nel nostro modello di sviluppo […] I toni sono, ci sia concesso, da predicatore savonaroliano: “Cinismo, avidità, malignità, indifferenza, perversione. Dietro la tragedia della funivia del Mottarone non c’è né il destino né il caso, ma l’orribile frenesia del guadagno, la folle insensatezza dell’accumulo” […]».   

Ciò che Umberto Folena scrive su Avvenire di oggi è un’accusa a un sistema senza regole e senza etica, una tragedia che porta allo scoperto i peccati e i difetti che caratterizzano il nostro modo di vivere. (Vedi articolo in fondo).

Una tragedia mortale che ha segnato le sorti di 14 persone. Una tragedia che ha colpito anche la comunità dei Testimoni di Geova. Tra le persone che hanno perso la vita c’era una giovane coppia di un comune in provincia di Bari, i cui funerali si sono tenuti venerdì 28 maggio, con la presenza virtuale di 8mila collegati tramite Zoom e YouTube.

“Senza freni” è un modo di dire che indica privato di, mancante di, sprovvisto di. Purtroppo nel caso della funivia il significato non è frutto di parole ma di perdite di vite umane. L’incidente avvenuto sulla funivia del Mottarone non è stata una fatale disgrazia.

L’incidente è stato causato da una manomissione volontaria. I forchettoni che hanno impedito alle ganasce di frenare la cabina sono stati inseriti apposta. Quattordici persone sono morte sotto il Mottarone per dei ferri messi per evitare i continui blocchi della funivia.

Chi ha buoni valori morali ha una chiara percezione di ciò che è giusto e di ciò che è sbagliato, si fa guidare da solidi princìpi anche quando non lo vede nessuno. Purtroppo queste e altre tragedie ci insegnano che senza i valori morali e spirituali di cui parla la Parola di Dio le persone innocenti sono spesso vittime di questi drammi terribili.

La Bibbia ci fornisce un aiuto e un conforto nel superare una tragedia. Inoltre, promette che ci sarà un tempo in cui Dio “inghiottirà la morte per sempre” (Isaia 25:8).

Siamo certi, anche se non più attivi come un tempo, la resurrezione di questi fratelli è ben salda nella memoria del nostro Creatore. Non vediamo l’ora di ricongiungerci nel nuovo mondo con tutti i fedeli servitori di Geova vittime dell’egoismo e dell’avidità umana.

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA